Chiusura stagionale fino al 10 marzo 2018.

Fagiano dorato – Chrysolophus pictus

bioparco di siciliaNOME SCIENTIFICO: Chrysolophus pictus
NOME COMUNE: Fagiano dorato
REGNO: Animalia
PHYLUM: Chordata
CLASSE: Aves
ORDINE: Galliformes
FAMIGLIA: Phasianidae
GENERE: Chrysolophus
SPECIE: C. pictus
AREALE: Asia orientale
HABITAT: Foresta e sottobosco
CITIES: No
CATEGORIA IUCN: LC


Notizie generali:
I maschi, coloratissimi, presentano sul capo un lungo ciuffo di penne dorate (da cui il nome) ricadenti all’indietro; sul collo hanno un “bavero” di penne giallo – arancio bordate di nero, un ventre rosso, una lunghissima coda (70 cm circa) in prevalenza gialla; sulle ali e nel resto del piumaggio si mescolano tinte rosse, brune o azzurre.
Il becco, i piedi e l’iride sono gialli.
Fanno parte della sottospecie dei “fagiani a mantellina”, dotati di lunghe penne spatoliformi allargate, che partono dalla nuca sino al collo; questa viene spiegata dal maschio come se fosse un ventaglio durante il periodo del corteggiamento.
La femmina ha una tenuta di colore marrone molto meno appariscente. I fagiani dorati sono molto resistenti al freddo e superano inverni gelidi senza grossi problemi. I giovani maschi, durante il primo anno di vita, hanno un piumaggio simile a quello della femmina. La loro dieta comprende semi, foglie, insetti e invertebrati. Le femmine depongono 8-12 uova, che covano per circa 3 settimane. I piccoli, a 2 settimane di vita, sono già in grado di volare e diventano indipendenti dopo un mese. Nel corso degli anni, il fagiano dorato è stato spesso incrociato con altre specie come il Lady Amherst; per tale motivo le caratteristiche fenotipiche “pure” si sono perse.