Chiusura stagionale fino al 10 marzo 2018.

Lepre della Patagonia o Marà – Dolichotis patagonum

bioparco di siciliaNOME SCIENTIFICO: Dolichotis patagonum
NOME COMUNE: Lepre della Patagonia o Marà
REGNO: Animalia
PHYLUM: Chordata
CLASSE: Mammalia
ORDINE: Rodentia
FAMIGLIA: Cavidae
GENERE: Dolichotis
SPECIE: D. patagonum
AREALE: Sud America
HABITAT: Praterie
CITIES: No
CATEGORIA IUCN: NT


Notizie generali:
È un mammifero appartenente alla famiglia dei roditori, anche se il suo aspetto sembra aver tratto delle caratteristiche da diverse specie animali: il muso dal canguro, le zampe dal cervo e la dentatura dal roditore.
La lepre della Patagonia fa parte dei tre roditori più grandi al mondo (capibara e castori); le sue dimensioni sono di circa 70 cm di lunghezza e 15 kg di peso. La coda è corta, le zampe sono lunghe e possiede quattro dita nelle zampe anteriori e tre in quelle posteriori. Il pelo è corto, scuro e biancastro sulla pancia.
Durante il riposo assume una posizione insolita per un roditore: resta, infatti, seduto sulle zampe posteriori, mantenendo diritte quelle anteriori, oppure si sdraia a terra con le zampe ripiegate sotto il corpo, come un gatto. Dorme in tane che scava da sé o che sono state abbandonate da altri animali della prateria. Le femmine, dopo 3 mesi di gestazione, danno alla luce da 2/3 figli. I seni sono disposti lateralmente, due ascellari e due inguinali, per favorire l’allattamento durante la posizione di riposo. Il marà riesce a sopravvivere diversi giorni senza acqua, probabilmente perché ricava i liquidi dai vegetali che mangia e urina poco riuscendo a rimettere in ciclo l’acqua corporea parecchie volte. Vivono circa 13 anni.