orario: tutti i giorni 10:00-20:00

Banditi in natura

Siamo proprio sicuri di poter accontentare il nostro bambino che vuole a tutti i costi una tartaruga o un pappagallino?

L’evento è organizzato dal Bioparco di Sicilia in collaborazione con la UIZA (Unione Italiana degli Zoo e degli Acquari) ed è dedicato alla sensibilizzazione contro il fenomeno del bracconaggio.

I custodi della natura ci spiegheranno cosa fanno quotidianamente per combattere il fenomeno del bracconaggio, quali sono i pericoli del traffico illegale di animali destinati all’acquisto da parte di privati o della commercializzazione di esemplari finalizzata all’estrazione di materie rare e preziose. Per salvaguardare il nostro pianeta è importante educare i cittadini alla detenzione consapevole degli animali sin dalla più tenera età.
Venite a trovarci domenica 8 aprile al Bioparco di Sicilia, troverete ad aspettarvi tanti esperti pronti a spiegarvi quali animali è possibile adottare. Inoltre, grazie a tanti momenti ludico-educativi, capiremo quali sono le spiacevoli conseguenze del bracconaggio e qual è l’impegno che il Bioparco di Sicilia si assume per proteggere le specie a rischio di estinzione.

Programma della giornata

10.00-16.00​ “SOS animali da salvare” Percorso ludico-didattico sul tema del bracconaggio a cura degli studenti dell’Istituto Superiore “Pio La Torre” di Palermo impegnati nel progetto di ASL.
​​
11.00-13.00​ “Il bracconaggio e i suoi pericoli. Azioni intraprese e risultati. L’impegno del Bioparco di Sicilia”
A cura del Bioparco di Sicilia e del Raggruppamento Carabinieri CITES

13.00​ “Occhio al bracconiere” Gioco didattico a cura del Bioparco di Sicilia.


Come è andata la giornata?

Durante la manifestazione, organizzata dalla sezione scientifica del Bioparco di Sicilia in collaborazione con la sezione dei Carabinieri Forestali e al Corpo Forestale regionale, sono stati affrontati i temi del fenomeno del bracconaggio, i suoi aspetti legali e i danni che il fenomeno arreca agli animali.

La giornata, dedicata alla sensibilizzazione su questo terribile fenomeno, ha avuto un grande riscontro, l’argomento si è rivelato interessante sia per gli adulti che per i bambini, i quali si sono mostrati molto attenti e hanno recepito la delicatezza dell’argomento. Si è tenuto inoltre a informare, adulti e bambini, delle conseguenze derivanti da acquisti di prodotti e derivati di parti di animali; è stato trattato l’argomento riguardante la detenzione in maniera illegale degli stessi, in modo particolare per gli animali strappati al loro habitat, sono state anche affrontate le tematiche riguardanti le difficoltà che si presentano nel detenere un animale non convenzionale in casa.

Durante il corso dell’evento si è colta l’occasione per informare ai visitatori dell’esistenza di centri, come il Bioparco di Sicilia, che ospitano, in un luogo protetto e attrezzato, anche specie non convenzionali. In questi centri, gli animali, vengono accolti in spazi di dimensioni adeguate, arricchiti con vegetazione che ricorda il loro luogo di origine e con arredi che permettono di sviluppare o conservare le abitudini delle varie specie. Tutti gli animali ospitati in centri come il nostro seguono, ognuno, una dieta ben precisa e vengono controllati periodicamente dai veterinari, ponendo l’attenzione sul fatto che ciascun animale ha le proprie abitudini e queste vanno sempre e attentamente rispettate.

Nell’ambito della manifestazione è stato messo in pratica quanto precedentemente discusso, infatti attraverso un’attività ludico-ricreativa i bambini hanno messo in pratica quanto era stato loro esposto, simulando una possibile detenzione di animali legali e non, convenzionali e non, e il conseguente comportamento da assumere e al quale si va incontro in una di queste situazioni. Anche in questa fase si è compreso che, quanto illustrato dagli addetti ai lavori, ha avuto un risultato decisamente positivo.